“Colazione sull’erba” di Édouard Manet (1863)

“Colazione sull’erba” di Édouard Manet (1863) « Da ogni parte si sentiva il respiro ansimante di corpulenti gentiluomini e il rauco sibilo di signori allampanati e su tutto dominavano le stupide risatine flautate delle donne. Nella parte opposta della sala un gruppo di giovani si contorceva dal ridere […] e una signora era stramazzata su una panca,... Continua »
agosto 15, 2017

Versi di Franco Arminio da: “Cedi la strada agli alberi”

Versi di Franco Arminio da: “Cedi la strada agli alberi”   “Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane, che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l’anno della crescita, ci vorrebbe l’anno dell’attenzione. Attenzione a chi cade, al sole che nasce e che muore, ai ragazzi che crescono, attenzione anche a un semplice... Continua »
agosto 12, 2017

«Gli amanti» e l’abbraccio di 2.000 anni fa a Pompei

«Gli amanti» e l’abbraccio di 2.000 anni fa a Pompei Il Soprintendente Osanna: «Plausibile che potessero essere amanti ma è difficile averne certezza». Dalla Tac e dall’analisi del Dna risulta che si tratta di due uomini Quando Vittorio Spinazzola vide il calco di quei due corpi intrecciati, appena ritrovati nella casa del Criptoportico di Pompei non ebbe dubbi. Un uomo... Continua »
agosto 6, 2017

“Primi Incontri”: poesia di Arsenij Tarkovskij

“Primi Incontri”: poesia di Arsenij Tarkovskij Primi Incontri Ogni istante dei nostri incontri lo festeggiavamo come un’epifania, soli a questo mondo. Tu eri più ardita e lieve di un’ala di uccello, scendevi come una vertigine saltando gli scalini, e mi conducevi oltre l’umido lillà nei tuoi possedimenti al di là dello specchio. Quando giunse la notte... Continua »
luglio 30, 2017

“L’amore disperato verso tutte le cose”: poesia di Cesare Pavese

“L’amore disperato verso tutte le cose”: poesia di Cesare Pavese L’amore disperato verso tutte le cose Ascolteremo nella calma stanca la musica remota della nostra tremenda giovinezza che in un giorno lontano si curvò su se stessa e sorrideva come inebriata dalla troppa dolcezza e dal tremore. Sarà come ascoltare in una strada nella divinità della sera quelle note che salgono... Continua »
luglio 29, 2017