Stati Uniti, rompe e ruba il pollice di un guerriero dell’esercito di terracotta

Stati Uniti, rompe e ruba il pollice di un guerriero dell’esercito di terracotta

Giovane americano si fa un selfie e rompe il pollice di una statua di duemila anni fa

19 FEBBRAIO 2018 – Pechino ha chiesto “una punizione severa” per il giovane che ha rubato il pollice della statua di un guerriero di terracotta in mostra negli Stati Uniti. Il celebre reperto archeologico esposto al Franklin Institute di Filadelfia  risale a oltre duemila anni e vale 4,5 milioni di dollari.

Secondo l’FBI Michael Rohana stava partecipando a un party nella struttura quando insieme ad altri amici è riuscito ad eludere le misure di sicurezza e a introdursi nella sala dedicata alle dieci statue dell’Esercito di Terracotta. Poi si è appoggiato al guerriero per scattare un selfie, che ha pubblicato su Snapchat. Dopo aver rotto il pollice della statua si è allontanato portandolo via con sé. Rintracciato dagli investigatori ha ammesso di aver conservato il reperto in un cassetto.

Mentre continuano le indagini, le autorità cinesi puntano il dito contro il Franklin Institute accusato di negligenza e annunciano che sarà chiesto un adeguato risarcimento.

L’esercito di terracotta, patrimonio dell’Unesco, è una delle meraviglie archeologiche del mondo ed è composto da migliaia di guerrieri, tra i sei e gli ottomila, di guardia alla tomba del primo imperatore cinese Qin Shi Huang (260 a.C. – 210 a.C.), destinati a servirlo nell’Aldilà.

Precedente Amata, di quella sì dolce prigionia - James Joyce Successivo Amore che vieni amore che vai - Poesia in musica di Fabrizio De André