‘Ncantesimo: poesia di Antonio De Curtis

Antonio De Curtis

‘Ncantesimo

Te guardo tutt’ ‘o juorno e sò ‘ncantato
guardannete sti mmane… sti capille,
sta vocca rossa comm’ ‘a nu granato,
chist’uocchie nire ca sò ddoje scintille,
l’avorio ‘e chesti spalle avvellutate,
e sta vetella ‘e vespa ‘ntussecosa.
‘0 ssaccio, ch’aggia fà… mme sò ‘mbriacato,
mme sò ‘mbriacato pe sti belli ccose!

Antonio De Curtis

 

Incantesimo
Ti guardo tutto il giorno e rimango incantato
guardandoti queste mani… questi capelli,
questa bocca rossa come un melograno,
questi occhi neri che sono due scintille,
l’avorio di queste spalle vellutate,
e questo vitino di vespa irascibile.
Lo so, cosa devo fare… mi sono ubriacato,
mi sono ubriacato di queste belle cose!

Precedente "Ballata delle donne": poesia di Edoardo Sanguineti Successivo Il talento di Van Gogh è emerso grazie a una donna: Johanna lo salvò dall’oblio