“The night you slept” (“Anche la notte ti somiglia”) – Cesare Pavese

Unknown

“The night you slept” (“Anche la notte ti somiglia”)

Anche la notte ti somiglia,
la notte remota che piange
muta, dentro il cuore profondo,
e le stelle passano stanche.
Una guancia tocca una guancia
è un brivido freddo, qualcuno
si dibatte e t’implora, solo,
sperduto in te, nella tua febbre.

La notte soffre e anela l’alba,
povero cuore che sussulti.
O viso chiuso, buia angoscia,
febbre che rattristi le stelle,
c’è chi come te attende l’alba
scrutando il tuo viso in silenzio.
Sei distesa sotto la notte
come un chiuso orizzonte morto.
Povero cuore che sussulti,
un giorno lontano eri l’alba.

Cesare Pavese (da “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”, Einaudi, Torino, 1951)

Precedente Napoli, dal "Gabinetto segreto" al Mann: Pan e la capra Successivo Un'iscrizione a Pompei riscrive la storia dell'eruzione