“Romanza senza parole in Mi maggiore op.19 n.1” di  Felix Mendelssohn Bartholdy. Al pianoforte Daniel Barenboim

“Romanza senza parole in Mi maggiore op.19 n.1” di  Felix Mendelssohn Bartholdy.
Al pianoforte Daniel Barenboim

La Romanza fa parte di una serie di 48 brevi pezzi per pianoforte. Oltre agli arpeggi della mano sinistra che conferiscono dolcezza e insieme profondità al brano, il tema si caratterizza non solo per la sua delicata luminosità e l’aura di romanticismo che lo pervade, ma anche per l’esordio particolare. Il suo digradare nella scala cromatica infatti,  fa pensare non tanto a un vero e proprio inizio, ma alla continuazione di un discorso la cui prima parte resta per così dire sottintesa, come quando viene spontaneo proseguire ad alta voce una riflessione maturata in silenzio.
E ciò arricchisce la melodia di suggestione e intensità.

Émile Friant (Dieuze, 16 aprile 1863 – Parigi, 9 giugno 1932), Les Amoureux , Lovers – 1888.

Precedente Uno dei capolavori di Domenico Modugno "Meraviglioso" (live). Testo e video Successivo Jean-Philippe Rameau (1683-1764), Sarabande & Les Trois Mains dalla "Suite in La Minore RCT5"