Giornate Fai di primavera, il 23 e 24 marzo 2019. Tu che puoi, FAI.

Giornate Fai di Primavera, 23 e 24 marzo 2019: luoghi aperti e iniziative in tutta Italia

Tornano le Giornate Fai di primavera 2019, tantissimi i luoghi aperti in tutta Italia e le iniziative a cui partecipare da Nord a Sud.

 

Giornate FAI di Primavera

Sabato 23 e domenica 24 marzo: scopri 1.100 luoghi straordinari di tutta Italia

Tornano anche quest’anno le Giornate Fai di primavera 2019, un weekend dedicato ai luoghi solitamente non accessibili al pubblico che saranno aperti proprio per permettere ai visitatori di scoprirli. L’evento si svolgerà in tutta Italia e coinvolge vari luoghi che durante l’anno sono chiusi.

Date delle Giornate Fai di primavera 2019

Le Giornate Fai di primavera 2019 si svolgeranno il 23 e 24 marzo 2019.

Dal 1993 i volontari del Fai organizzano questa manifestazione dedicata alla scoperta del patrimonio a cui anno partecipano 10 milioni di italiani e coinvolgono 40mila apprendisti ciceroni che accompagnano i visitatori alla scoperta dei luoghi più belli.

In Italia saranno tantissimi i luoghi aperti divisi in base alla regione.

Partecipare alle Giornate FAI di Primavera significa fare un gesto concreto a tutela del patrimonio d’arte e natura. A fronte di ogni visita effettuata i nostri volontari chiedono un contributo facoltativo – a partire da 2, 3 o 5€ – a sostegno di quella missione in cui il FAI si impegna da oltre 40 anni: la cura, la tutela e la valorizzazione dei luoghi e delle storie che rendono unico il nostro Paese. Puoi di rendere ancora più significativo il tuo sostegno iscrivendoti al FAI in tutti i luoghi aperti durante l’evento: potrai entrare in alcune aperture esclusive e avrai diritto all’accesso prioritario in tutti i luoghi aperti.

I luoghi aperti

Tra i luoghi aperti per le Giornate Fai 2019 citiamo il comprensorio Olivetti a Pozzuoli, Villa Doria d’Angri a Napoli, Spazio privato Lia Rumma a Palazzo Donn’Anna a Napoli, Villa Rosebery-Parco  e Palazzina Borbonica a Napoli, Palazzo Firenze a Roma, Villa Aldovrandi e il Palazzo Settecentesco a Bologna, Mastio della Cittadella a Torino, Banca d’Italia a Bari, Teatro Vittorio Emanuele a Messina, Villa Pojana a Vicenza, Palazzo Ducale Appartamento grande a Mantova, Biblioteca Comunale Borgetti a Macerata, il Palazzo delle Assicurazioni generali a Trieste, la Chiesa di Santa Chiara a Chieti, Gucci Hub a Milano, Ippodromo Snai San Siro a Milano, Residenza Vignale a Milano, Villa Necchi Campiglio a Milano, la Corte Costituzionale a Roma, Palazzo della Rovere e Palazzo Firenze a Roma, Parco della Villa Gregoriana a Tivoli.

Queste sono alcuni dei luoghi aperti che si potranno visitare sabato 23 e domenica 24 marzo.

Si ricorda che è possibile donare un contributo all’entrata o diventare soci del Fai per avere ancora più vantaggi. Tutto l’elenco dei luoghi aperti con maggiori dettagli sul programma si trovano a questo link.

 

 

In Italia si trova più del 60% dell’intero patrimonio artistico mondiale.

Questo fa sì che gli italiani siano talmente abituati alla “bellezza” che finiscono per non prestare più attenzione ai capolavori artistici e paesaggistici da cui sono circondati tutti i giorni.
Il vero paradosso è però un altro: solo quando andiamo all’estero, grazie agli stranieri e al loro amore per l’Italia, ci rendiamo conto di quanto siamo fortunati. Vedere l’Italia attraverso i loro occhi, ci permette di scoprire la bellezza che abbiamo intorno.

Per questo AUGE Headquarter ha pensato di affidare agli stranieri innamorati del nostro paese il compito di convincere gli italiani a scoprire le meraviglie protette e tutelate proprio dal FAI.

Italiano! Tu che puoi, FAI!

Precedente Lucio Battisti - Emozioni Successivo Ludwig van Beethoven - Sonata per violino e pianoforte n. 5 in fa maggiore, op. 24 "La Primavera"