Franz Schubert – “Sonata per pianoforte in la maggiore”, D. 959 (Andantino)

Franz Schubert – Sonata per pianoforte in la maggiore, D. 959, II mov. (Andantino)

Sotto questa superficie apparentemente serena si nasconde l’abisso. L’Andantino, in fa diesis minore,  è una delle pagine più sconvolgenti dell’intera produzione schubertiana. L’inizio è spoglio e dolente, su un ritmo di barcarola; ma nella sezione centrale, a poco a poco, si scatena una spaventosa tempesta, immagine di una disperatissima, quasi «hoffmaniana» follia, la cui scrittura pianistica anticipa per molti versi quella di Liszt e dei suoi epigoni. Delizioso, infine, il ritorno del motivo principale contrappuntato da un singhiozzo a note ribattute.

Sull’ondeggiante accompagnamento della mano sinistra la destra canta una delle ultime meravigliose e purissime melodie create da Schubert, desolata ma dolce, infinitamente malinconica ma immersa in una luce di serenità ultraterrena. Il suo tono assorto, quasi ipnotico, è interrotto da un episodio centrale drammatico, dai cui accidentati scontri armonici nasce un’inquietante e allucinata agitazione senza vie d’uscita, come il volo di un uccello impazzito che sbatte contro le pareti d’una stanza.

“Donna al tramonto del Sole” di Caspar David Friedrich, 1818

Precedente Mina - Se telefonando Successivo Petra, Giordania: la città rosa scavata nella roccia