Le meravigliose cariatidi di Anfipoli

(Foto: Ministero della Cultura greco)
Le cariatidi rinvenute nel grande mausoleo di Anfiboli.
Due splendide cariatidi sono state scoperte all’interno della grande tomba a tumulo di Kastà nei pressi di Anfipoli, in Nord Grecia. Le due cariatidi di marmo di Thasos mezzo busto sono state ritrovate il 6 settembre 2014. Il volto della cariatide occidentale è quasi intatto, mentre il volto della cariatide orientale manca. Il loro posizionamento sembra tale da impedire, simbolicamente, l’ingresso al sepolcro. Le due cariatidi, di mezza tonnellata ciascuna, vanno ad aggiungersi alla coppia delle sfingi acefale ed alate che presidiano l’ingresso: la tecnica utilizzata nello scolpirle è la stessa a quella delle sfingi. Le tracce di colorazione rossa e blu trovate sulle cariatidi fanno riferimento alle Kore, le statue arcaiche.
(Foto: Ministero della Cultura greco)
Ogni cariatide è alta circa 2,27 metri ed indossa un chitone, un abito drappeggiato per tutta la sua lunghezza, trattenuto in vita da una cintura ed un lungo himation, una sorta di mantella, con frange e diverse pieghe.

Ai piedi le cariatidi calzano i kothornoi, scarpe aperte simili agli stivali, calzature tipiche degli antichi attori greci. Le scarpe conservano ancora tracce di pigmenti rossi e gialli, mentre i piedi sono stati scolpiti in modo molto raffinato.
Le basi sulle quali si ergono le due figure femminili hanno una lunghezza di 1,33 metri e una larghezza di 0,68, mentre sono alte circa 0,30 metri. Vicino alle basi sono state rinvenute parti di armi.

(Foto: Ministero della Cultura greco)

E mentre le meraviglie della tomba di Anfipoli non smettono a sorprendere, il flusso delle scoperte che vengono alla luce affascina tutto il mondo. La misura enorme del complesso archeologico ed il valore eccezionale delle opere d’arte che stanno emergendo fanno notizia in tutto il mondo e suggeriscono che la tomba deve ospitare qualche figura importante. Ma, anche se gli indizi in tal senso sono piuttosto forti, gli archeologi sono al lavoro per entrare nella camera funeraria e rivelare tutte le risposte. Nel frattempo, gli scavi proseguono, nuovi reperti vengono alla luce ogni giorno e il mondo sta guardando.

(Foto: Ministero della Cultura greco)

Precedente Un'iscrizione a Pompei riscrive la storia dell'eruzione Successivo Oracolo di Delfi