Jean-Philippe Rameau (1683-1764), Sarabande & Les Trois Mains dalla “Suite in La Minore RCT5”

Jean Philippe Rameau (1683 – 1764) “Suite in la minore RTC 5”

Si tratta in particolare della “Sarabanda” seguita dal brillante pezzo di bravura intitolato “Les trois mains”.  
Tre mani? Proprio così, e probabilmente il motivo di un titolo tanto singolare derivi dalla difficoltà, ma anche dalla velocità di esecuzione che, insieme all’incrocio della sinistra sulla destra, può dare l’impressione che davvero le mani siano tre.

Delicatezza e brio meravigliosamente coniugati insieme. Entrambi i pezzi sono tutta una fioritura di trilli e abbellimenti che l’interpretazione della bravissima pianista esalta in modo particolare

Madame de Pompadour, 1755 di Maurice Quentin de La Tour

Precedente "Romanza senza parole in Mi maggiore op.19 n.1" di  Felix Mendelssohn Bartholdy. Al pianoforte Daniel Barenboim Successivo "Il bacio mancato" di Saffo di Lesbo